Italiana in Algeri (Pier Luigi Amietta) 

 

Testo originale Traduzione letterale

 

Italiana in Algeri

Rossini, l'Ouverture.Violin che ne pizzighen...
quater nt, 'me stremii,
e poeu de bott l'orchestra che la s'cioppa:
ona lusnada, on tron e citto...Ona coronna
de silenzi incantaa, che l'oboe el ricama...

On ghirigori arios ch'el gira, el gira, el va,
El par ch'el tasa, intant
che l'ottavin in ponta
de p el cicciara su quella nota,
l'ultima, leggera, abandonnada
da l'oboe in l'aria, dolza
'me 'na carezza dolza...

Poeu violoncell che rognen,
i bassi che se gionten
e in fond comenza i piatt
a pizzig..."cin, cin..."
dedree de la grancassa...
Se quietten sul clarin
ch'el se s'ciariss la vos e, sol, el canta,
el rampega, el va su...

E vun e duu e trii: l'orchestra
che  la par on poo inlocchida
poeu la se slarga, la cress, la se spantega...
Signor, come l' forta...
On ultim bott e poeu p nient.
In l'aria
tremma dom la  toa emozion... Fenida.

L' fenida, la Musica, ma par
fin de sentilla anm, l, che la vola,
che la traversa el mond
passand per el t coeur.

 

Italiana in Algeri

Rossini, l'Ouverture. Pizzicato di violini....
Quattro note spaurite,
poi di botto l'orchestra che esplode:
una folgore, un tuono e silenzio...Una corona
di silenzio incantato, che l'oboe ricama

Un ghirigoro arioso, che gira, gira, va,
sembra che taccia, intanto
che l'ottavino in punta
di piedi conversa su quella nota,
l'ultima, leggera, abbandonata
dall'oboe nell'aria, dolce
come una carezza dolce...

Poi violoncelli che brontolano,
i bassi che si aggiungono
e in fondo cominciano i piatti
a pizzicare: "cin, cin..."
dietro alla grancassa.
Si calmano sul clarino
Che si schiarisce la voce e, solo, canta,
s'arrampica, va su...

E uno e due e tre: l'orchestra
che sembra un po' intontita
si allarga, cresce si espande
Dio santo, com' forte...
Ancora un colpo e poi nient'altro...
Nell'aria
vibra soltanto la tua emozione... E' finita

E' finita, la Musica, ma pare
quasi sentirla ancora, l, che vola
e che attraversa il mondo
passando dal tuo cuore.

Commento

Il tentativo evidente quello di riprodurre in parole le sensazioni suscitate dai vari strumenti, nel dipanarsi della famosa Ouverture de "L'italiana in Algeri" di Rossini".
A questa poesia va dato il credito di una sperimentazione - qua e l riuscita, ma certamente azzardata - dello stesso tipo di quelle tentate (con ben altri esiti) da D'Annunzio, da Pascoli e, pi vicino a noi, da Aldo Palazzeschi.

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)