De quinquaginta curialitatibus ad mensam (Bonvesin da la Riva) 

 

Testo originale Traduzione

 

De quinquaginta curialitatibus ad mensam

(Cinquanta cortesie da desco), poemetto sulle buone maniere a tavola, in lingua volgare, nonostante il titolo latino.

 

Fra Bonvesin dra Riva, ke sta im borgo Legnian,

de le cortesie da desco quil ve dise perman;

de le cortesie cinquanta ke se dn servar al desco

fra Bonvesin dra Riva ve'n parla mo' de fresco.

 

La premerana questa ke, quando tu ve' a mensa,

del pover besonioso imprimamente impensa:

k, quand tu pasci un povero, tu pasci lo to pastor,

ke t' pasce pos la morte in l'eternal dolzor.

 

La cortesia segonda: se tu sporzi aqua a le man,

adornamente la sporze, guarda no sii vilan.

Assai ghe'n sporze, no tropo, quand lo tempo dra stae;

d'inverno, per lo fregio, im pice na quantitae.

 

La terza cortesia s : no sii trop presto

de corre senza parolla per assetar al desco;

s'alcun t'invidha a noze, anze ke tu sii assetao,

per ti no prende quel asio dond tu fizi descaao.

 

L'oltra : anze ke tu prindi lo cibo apparegiao,

per ti on per to maior fa' s k'el sia signao:

trop gordo e villan e incontra Criste malegna

lo qual ni ai oltri guarda ni 'l so condugio no segna.

 

La cortesia cinquena: sta' conzamente al desco,

cortese, adorno, alegro e cofortoso e fresco;

no di' st cuintoroso ni gramo ni travacao

ni co le gambe incrosae ni torto ni apodiao.

 

La cortesia sexena, da po' ke l'hom se fidha,

s : no apodiarse sor la mensa bandia.

Ki fa dra mensa podio, quel hom no cortese,

quand el gh'apodia le gomedhe on ghe ten le brace destese.

 

La cortesia setena s , in tuta zente:

no trop mangiar ni poco, ma temperadhamente.

Quel hom, o' k'el se sia, ke mangia trop ni poco,

no vego quent pro se ghe sia a l'arma ni al corpo.

 

La cortesia ogena si , ke Deo n'acresca,

no trop impir la boca ni trop mangiar im presa;

lo gordo ke mangia im presa, ke mangia a boca plena,

quand el fisse appellao, el have responde a pena.

 

La cortesia novena s poco parlar

et a tenir pos quello k'el ha tollegio a far:

k l'hom, tanfin k'el mangia, s'el usa trop a dire,

le fragore f dra boca sovenzo ghe p inxire.

 

La cortesia desena s : quand tu he sedhe,

travond inanze lo cibo, e furbe la boca, e beve.

Lo gordo ke beve im pressa, inanze k'el voie la canna,

a l'oltro fa fastidio ke beve sego in compgnia.

 

E l'undexena questa: no sporze la copa a l'oltro,

quand el ghe p atenze, s'el no te'n fesse acorto.

Zascun hom prenda al desco la copa quand ghe plas,

e quand el ha bevudho la d mete zoso in pax.

 

La dodesena questa: quando tu di' prende la coppa,

con doe m la receve, e ben te furbe la boca.

Co l'una conzamente no se p-la ben receve:

az ke 'l vin no se spanda, con doe man sempre beve.

 

La tredesena questa: se ben tu no voi beve,

s'alcun te sporze la copa, sempre la di' receve;

quando tu la he recevudha, ben tosto la poi mete via,

on sporze a verun oltro k' tego in compania.

 

L'oltra ke segue questa: quand tu e' a li convivii,

anc sia bon vin in desco, guarda ke tu no te invrii.

Ki se invria matamente, in tre mainere offende:

el nox al corpo e a l'anima, e perde lo vin k'el spende.

 

La quindesena questa: se ben verun ariva,

no leva in pe dal desco, se grand cason no ghe sia.

Tanfin tu mangi al desco, no dex moverse illora

per mor de f careza a quilli ke te veneno sovra.

 

La sedesena apresso s con veritae :

no sorbiliar dra boca quand tu mangi con cugial.

Quel hom e quella femena k'entro cugial forfolia,

fa s com' fa la bestia ke mangia la corobia.

 

La dexsetena apresso s : quand tu stranudhi

on k'el te prende la tosse, guarda com' tu te lavori.

In l'oltra parte te volze, de cortesia impensa,

az ke dra saliva no zese sor la mensa.

 

La dexeogena questa: quando l'omo se sente ben san,

no faza, o' k'el se sia, del companadhego pan.

Quel k' lecardo de carne on d'ove on de formagio,

anc n'abia el ben d'avanzo, perz no'n d'l far stragio.

 

La dexnovena questa: no blaxma li condugi,

quand tu e' a li convivii, ma di' k'illi n bon tugi.

In questa rea usanza multi homini ho z trovao,

digando : Quest mal cogio, on: Quest mal salao.

 

E la vingena questa: a le toe menestre attende;

entre altr no guarda, se no forse per imprende.

Lo ministrante se ghe manca ben d guardar per tuto,

ma s'el no ministrasse, el have esse lovo e bruto.

 

Pos la vingena questa: no mastruliar per tuto

com' have esse carne on ove on semeiant condugio.

Ki volze e ki mastrulia sor lo talier cercando,

bruto e fa fastidio al companion mangiando.

 

L'oltra ke segue questa: no te reze villanamente,

se tu mangi con verun d'un pan comunamente;

talia lo pan per ordene, no va' taliando per tuto,

no va' taliando da le parte, se tu no voi esse bruto.

 

La terza pos le vinge: no di' mete pan in vin,

se tego d'un napo medesmo bevesse fra Bonvesin.

Ki vol pescar entro vin, bevando d'un napo comego,

per meo grao, s'eo poesse, no bevereve consego.

 

L'oltra : no mete im parte per mezo lo companion

ni graellin ni squella, se no ghe fosse grand cason.

On graellin on squella se tu voi mete in parte,

per mezo ti lo di' mete pur da la toa parte.

 

L'oltra : ki fosse con femene sovra un talier mangiando,

la carne a si et a lor ghe debla esser taliando.

L'omo d plu esse intento, plu presto et honorevre

ka no d per rason la femena vergonzevre.

 

La sexta pos le vinge: de grand bontae impensa

quand lo to bon amigo mangia a la ta mensa.

Se tu tal i carne on pesso on oltre bon pitanze,

da la plu bella parte ghe dibli cerne inanze.

 

L'oltra ke segue questa: no di' trop agrezar

l'amico a casa toa de beve e de mangiar;

ben di' tu receve l'amigo e farghe bella clera

e darghe ben da spende e consolarlo vontera.

 

L'octava pos le vinge: apresso grand homo mangiando,

astallate de mangiar tanfin k'el bevando.

Mangiando apresso d'un vescovo, tanfin k'el beve dra copa,

usanza drigia prende, no mastegar dra boca.

 

L'oltra ke ven questa: se grand homo da provo,

no di' beve sego a un'hora, inanze ghe di' dar logo.

Ki fosse aprovo d'un vescovo, tanfin k'el beverave,

no d levar lo so napo, on k'el ghe vargarave.

 

E la trentena questa: ki serve, habia neteza,

no faza ill presente ni spudha ni bruteza.

A l'homo, tanfin k'el mangia, plu tosto firave fastidio:

no p trop esser neto ki serve a un convivio.

 

Pos la trentena questa: zascun cortese donzello

ke se vol mocar al desco, co li drapi se faza bello.

Ki mangia on ki ministra, no se d mocar co le die;

col i drapi da pei se monde, et use de cortesie.

 

L'oltra ke ven questa: le toe man sian nete,

ni li die entre orege ni 'l man sul c di' mette.

No dex a l'om ke mangia, s'el ha ben nudritura,

a berdugar co le die in parte o sia sozura.

 

La terza pos le trenta: no brancorar co le man,

tanfin tu mangi al desco, ni gatorin ni can:

no lese a l'homo cortese a brancorar li bruti

co le man co le que el toca i apparegiai condugi.

 

L'oltra : tanfin ke tu mangi con homi ni cognoscenti,

no mete le die in boca per descolzar li dengi.

Ki se caza le die in boca anze k'el habia mangiao,

sor lo talier comego no mangia per meo grao.

 

La quinta pos le trenta: tu no te di' lenze le die;

le die, ki le caza in boca, en brutamente furbie.

Quel hom ke se caza in boca le die impastruliae,

le die non n plu nete, anze n plu brutezae.

 

La sexta cortesia si pos la trentena:

se te fa mester parlar, no parla a boca plena.

Ki parla e ki responde inanze k'el voie la boca,

apena k'el poesse alenar negota.

 

Pos questa ven questa oltra: tanfin ke'l companion

havr lo napo a la boca, no ghe fa' demandason;

se ben tu lo vo' appellar, de zo te fazo avezudho,

no l'imbregar, da' ghe logo tanto k'el havr bevudho.

 

La trentaogena questa: no recuitar ree nove,

az ke quilli k'n tego no mangian con reo core.

Tanfin ke i oltri mangiano, no di' nove angoxose,

ma tax, on di' parolle ke san confortose.

 

L'oltra ke segue questa: se tu mangi con persone,

no fa' rumor ni pleo, se ben g'avissi rason.

S'alcun dri toi vargasse, passa oltra fin a tempo,

az ke quilli k'n tego no habian turbamento.

 

L'oltra : se doia te prende de qualche infirmitae,

al plu tu poi, compriva la toa necessitae.

Se mal te senti al desco, no dexmostrar la pena,

no fa' reo core a quilli ke mangian tego insema.

 

Pos quella ven questa oltra: s'entro mangial vedhissi

qualke sgivosa cosa, ai oltri no'l disissi.

On mosca on qualke sozura entro mangiar vezando,

taxe, ke non habian sgivio quilli k'en al desco mangiando.

 

L'oltra : se tu porti squelle al desco per servire,

sor la riva dra squella lo polex di' tenire.

Se tu apilli le squelle col polex sor la riva,

tu le poi mete in so logo senza oltro ke t'adha.

 

La terza pos le quaranta : se tu sporzi la copa,

la summit del napo col polex mai no toca.

Apilia lo napo de soto e sporze con una man:

ki ten per altra via, s p fi digio villan.

 

La quarta pos le quaranta s , ki vol odire:

ni grallini ni squelle ni li napi di' trop impire.

Mesura e modho d esse in tute le cosse ke sia:

ki oltra zo vargasse, no ave f cortesia.

 

L'oltra ke segue questa: ret a ti lo cugi,

se te fi tollegio la squella per zonzerghe del mangi.

S'el lo cugi entra squella, lo ministrante impilia:

in tute le cortesie ben fa ki se asetilia.

 

L'oltra ke segue questa: se tu mangi con cugial,

no dibli infulcir trop pan entro mangial.

Quell ki fa emplastro entro mangial da fogo,

el p fastidar a quilli ke ghe mangian aprovo.

 

L'oltra ke segue questa: se 'l to amigo tego,

tanfin k'el mangia al desco, sempre imbocona sego.

Se forse t'astallassi ni sazio fosse anchora,

forse anc ello per vergonza s'astallarave illora.

 

L'oltra : mangiando con oltri a qualke invamento,

no mete entra guaina lo to cortello anze tempo.

No governa lo cortello inanze ka li companion:

fors oltro ven in desco donde tu no fe' rason.

 

La cortesia seguente : quando tu he mangiao,

fa' s ke Ies Criste ne sia glorificao.

Quel ke receve servisio d'alcun so benvoliente,

sed el non lo regratia, ben descognoscente.

 

La cinquantena apresso si , per la dedrera,

lavar le man, po' bever del bon vin dra carrera.

Le man pos lo convivio per poco pn f lavae;

da grassa e da sozura elle n po' netezae.

 

Le cinquanta cortesie a tavola

 (Cinquanta cortesie da desco), poemetto sulle buone maniere a tavola, in lingua volgare, nonostante il titolo latino.

 

Fra Bonvesin da la Riva che sta in borgo Legnano,

delle cortesie da tavola qui vi parla senza indugio;

delle cinquanta cortesie che sono da osservarsi a tavola

fra Bonvesin da la Riva ve ne parla ora.

 

La prima questa: quando vai a tavola,

pensa prima di tutto al povero bisognoso:

perch quando tu nutri un povero, tu nutri il tuo Pastore,

che ti nutrir dopo la morte nell'eterna dolcezza.

 

La seconda cortesia: se tu porgi acqua alle mani

porgila elegantemente, procura di non essere maleducato.

Porgine a sufficienza, ma non troppa, quando tempo d'estate;

d'inverno, per il freddo, diminuisci la quantit.

 

La terza cortesia: non affrettarti 

a prendere posto a tavola senza averne il permesso;

se qualcuno t'invita a nozze, prima di sederti

non prenderti delle libert per evitare di essere cacciato.

 

L'altra : prima di assumere il cibo preparato, fa in modo

che esso venga benedetto da te o da qualcuno maggiore di te:

troppo ingordo e maleducato e pecca contro Cristo

colui che non si cura degli altri n benedice il proprio piatto.

 

La qunta cortesa: siedi a tavola come si conviene,

cortese, educato, allegro e di buon umore;

quindi non devi essere n astioso n corrucciato n scomposto

e neppure tenere le gambe incrociate.

 

La sesta cortesia: se possibile

non ci si deve appoggiare alla tavola imbandita.

Perch non educato appoggiare

i gomiti o stendere le braccia.

 

La settima cortesia per tutti:

non mangiare n troppo n poco, ma moderatamente.

Colui che mangia troppo o troppo poco,

non trae alcun vantaggio n per l'anima n per il corpo.

 

L'ottava cortesia , che Dio ci aiuti,

a non riempire troppo la bocca e non mangiare troppo in fretta;

I'ingordo che mangia in fretta, e si riempie la bocca,

se venisse interpellato, farebbe fatica  a rispondere.

 

La nona cortesia parlare poco

e badare a ci che si sta facendo:

perch se si parla troppo mangiando,

pu accadere che escano briciole dalla bocca.

  

La decima cortesia : quando hai sete,

prima inghiotti il cibo e pulisci la bocca e poi bevi.

L'ingordo che beve in fretta, prima di aver deglutito,

infastidisce l'altro che beve in compagnia.

 

E l'undicesima questa: non porgere la coppa all'altro,

se pu prenderla da solo, a meno che non te l'abbia chiesta.

Ciascuno prenda la coppa dalla tavola quando gli aggrada,

e dopo aver bevuto, la riappoggi dolcemente.

 

La dodicesima questa: quando devi prendere la coppa,

usa le due mani e pulisci bene la bocca.

Con una sola mano non si pu afferrarla bene:

usare sempre le due mani anche per bere per non rovesciare il vino.

 

La tredicesima questa: anche se non vuoi bere,

se qualcuno ti porge la coppa, la devi sempre accettare;

una volta presa, puoi subito posarla,

o porgerla a qualcuno che l con te.

 

La successiva questa: quando sei invitato

anche se in tavola c' del vino buono, cerca di non ubriacarti.

Chi si ubriaca scioccamente, nuoce tre volte:

al corpo, all'anima e spreca il vino.

 

La quindicesima questa: anche se arriva qualcuno,

non alzarti da tavola, se non per un motivo importante.

Finch mangi non devi muoverti

neppure per salutare quelli che sopraggiungono.

 

La sedicesima poi 

non sorbire rumorosamente quando mangi col cucchiaio.

Altrimenti l'uomo e la donna che lo fanno,

si comportano veramente come la bestia che mangia il pastone.

 

La diciassettesima poi : quando starnutisci

o quando ti coglie la tosse, attenzione a quello che fai.

Sii cortese, voltati dall'altra parte,

affinch la saliva non cada sulla tavola.

 

La diciottesima questa: quando l'uomo si sente bene,

non faccia, chiunque sia, pane del companatico.

Colui che ghiotto di carne, di uova o di formaggio,

anche se ne avesse in abbondanza, non deve esagerare.

 

La diciannovesima cortesia questa: non criticare i cibi

quando sei ospite ai banchetti, ma d che sono tutti buoni.

Ho gi trovato molti uomini con la brutta abitudine,

di dire: Questo mal cotto o Questo insipido.

 

E la ventesima questa: curati del  tuo piatto;

non guardare nel piatto degli altri se non per imparare.

Chi serve deve controllare che non manchi nulla,

ma se non lo facesse non sarebbe corretto.

 

La ventunesima questa: non mescolare tutto insieme

carne o uova o cibo simile.

Chi rimescola cercando il meglio sul tagliere,

ineducato e disturba il vicino di tavola.

 

L'altra che segue questa: non comportarti villanamente,

se mangi il pane codividendolo con qualcuno;

taglia il pane ordinatamente, non in qualche modo,

non tagliarlo ai lati se non vuoi essere ineducato.

 

La ventitreesima: non mettere pane nel vino,

se nel tuo stesso bicchiere bevesse fra Bonvesino.

Se  qualcuno volesse inzuppare nel vino bevendo con me

da un unico bicchiere, io, da parte mia, potendo non berrei con lui.

 

L'altra : non mettere accanto al tuo vicino

n piatto n scodella, se non per un motivo importante.

Se tu desideri scostare il piatto e la scodella,

fallo dalla tua parte.

 

L'altra : chi stesse mangiando da un tagliere con donne,

deve tagliare la carne per s e per loro.

L'uomo deve essere pi premuroso, pi sollecito e servizievole

della donna che per riservatezza non in grado di esserlo.

 

La ventiseiesima: sii molto cortese

quando il tuo buon amico mangia alla tua tavola.

Tagliando carne pesce o altre buone pietanze,

scegli per lui la parte migliore.

 

L'altra che segue questa: non devi essere insistente

con l'amico a casa tua perch beva o mangi;

devi accoglierlo bene e fargli bella cera

e metterlo a suo agio in ogni senso..

 

La ventottesima: mangiando accanto un uomo importante,

astieniti dal mangiare mentre lui sta bevendo.

Mangiandi accanto a un vescovo, che sta bevendo dalla coppa,

fa in modo di non masticare con la bocca.

 

L'altra che viene questa: se foste vicino a un uomo importante,

non dovete bere contemporaneamente a lui.

Chi fosse vicino ad un vescovo, fintanto che lui beve

non deve alzare il proprio bicchiere, per educazione.

 

E la trentesima questa: chi serve, sia pulito,

e in presenza altrui non sputi n insudici.

Perch a un uomo mentre mangia, causerebbe fastidio:

non pu essere troppo pulito chi serve ad un banchetto.

 

La trentunesima questa: ogni giovane educato

che voglia soffiarsi il naso a tavola, si pulisca con i fazzoletti.

Chi mangia o chi serve, non deve pulirsi il naso con le dita;

si pulisca con teli e usi cortesia.

 

L'altra che vene questa: le tue mani siano pulite,

non devi mettere n le dita nelle orecchie n le mani sulla testa.

L'uomo che mangia non deve

frugare con le dita in parti sporche.

 

La trentatreesima: non accarezzare con le mani

finch sei a tavola, n gatti n cani:

L'uomo educato non deve accarezzare gli animali

con le mani con le quali tocca i cibi.

 

L'altra : mentre mangi con persone estranee,

non mettere le dita in bocca per pulire i denti.

Chi si mette le dita in bocca prima di aver finito di mangiare,

per quanto mi riguarda non manger con me sul tagliere.

 

La trentacnquesima: non devi leccarti le dita;

chi le mette in bocca le pulisce male.

L'uomo che si mette in bocca le dita impiastricciate

non le pulisce, anzi le sporca maggiormente.

 

La trentaseiesima cortesia:

se devi parlare, non parlare a bocca piena.

Chi parla e chi risponde prima d'aver vuotato la bocca,

difficilmente potrebbe articolare qualcosa.

  

Dopo questa viene quest'altra: finch il vicino di tavola

avr il bicchiere alla bocca, non fargli domande;

se proprio lo vuoi interpellare, ti chiedo di farlo

solo dopo che avr finito di bere.

 

La trentottesima questa: non raccontare storie tristi

perch coloro che sono con te possano mangiare serenamente.

Fin che gli altri mangiano non dire cose angoscianti,

ma taci oppure di' parole confortevoli.

 

L'altra che segue questa: se mangi con persone,

non fare n rumore n litigi, pur se hai ragione.

Se qualcuno dei tuoi eccedesse, lascia correre fino ad un momento opportuno, in modo che coloro che sono con te non siano turbati.

 

L'altra : se accusi dolore per qualche infermit,

nascondi pi che puoi il tuo malessere.

Se ti senti male a tavola, non mostrare sofferenza,

e non procurare dispiacere a coloro che mangiano con te.

 

Dopo quella viene quest'altra: se vedessi nel cibo

qualcosa di sgradevole, non dirlo agli altri.

Vedendo nel cibo una mosca o altra porcheria,

taci, per non creare disgusto in coloro che stanno mangiando a tavola.

 

L'altra : se porti scodelle a tavola per servire,

devi tenere il pollice sul bordo della scodella.

Se prendi la scodella con il pollice sul bordo,

potrai metterla poi al suo posto senza altro aiuto.

 

La quarantatreesima : se porgi la coppa,

non toccare mai la sommit del bicchiere con il pollice.

Reggi il bicchiere da sotto e porgilo con una mano:

chi lo tiene diversamente pu essere considerato villano.

 

La quarantaquattresima per chi vuol sentire :

non devi riempire troppo piatti, scodelle e bicchieri.

In ogni cosa occorre misura e modo;

chi eccedesse non sarebbe cortese.

 

L'altra  che segue questa: trattieni il cucchiaio,

se ti vien tolta la scodella per aggiungervi del cibo.

Se c' il cucchiaio nella scodella, ci intralcia chi serve;

In tutte le cortesie fa bene chi riflette.

 

L'altra che segue questa: se mangi con il cucchiaio,

non mettere troppo pane nel cibo.

Chi far "zuppetta" nella pietanza,

potrebbe dar fastidio a coloro che gli mangiano accanto.

 

L'altra che segue questa: se hai vicino l'amico,

finch egli a tavola, serviti contemporaneamente a lui.

Se tu dovessi smettere di mangiare e non fossi ancora sazio,

forse anch'egli smetterebbe per ritegno.

 

L'altra : mangiando insieme ad altri invitati,

non mettere anzi tempo il tuo coltello nel fodero.

Non usare il coltello prima dei tuoi vicini di tavola:

pu darsi che venga portata in tavola una vivanda diversa da quella pensata.

 

La cortesia seguente : quando mangiato,

glorifica Ges Cristo.

Colui che riceve un servizio da chi gli vuol bene,

se non lo ringrazia, irriconoscente.

 

La cinquantesima poi (l'ultima) :

lavare le mani, poi bere del buon vino di botte.

Le mani dopo il banchetto possono essere anche solo sciacquate;

dal grasso e dalla sporcizia possono essere pulite successivamente.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)