La Ninetta del Verzee  (Carlo Porta)  

 

Testo originale Traduzione
 

La Ninetta del Verzee

Bravo el m Baldissar! bravo el m nan!
l'eva poe vora de vegni a trovamm...
T'el seet mattascion porch de maneman
l' on mes che no te vegnet a ciollam?
Ah Cristo! Cristo! com'hin frecc sti man!
Bell bell... speccia on freguj... te voeu geramm,
bolgirossa! che giazz! aja i mee tett!
che bell cojon, sont minga on scoldalett.

Pover tett ne?... te sentet com'hin froll?
Ma, gh'hoo avuu ona passion, varda in sti d
che l' stada, per brio! el m tracoll.
L' quaj cossa ancam se sont insc.
Ven sci...settet gi on poo...gi l' anm moll,
e poe coss'eet de fa? l' venerd
gh' minga d'opra: descorrem on poo,
ch subet che l' all'orden te la doo.

Varda el me Baldissar se se p d
on mond pussee carogna, on mond p infamm!
Te se regordet d'avemm vist per c
quell gioven magher, longh come on salamm,
ch'el me vegneva a toe de and a ball?
Che di voeult te l'ee vist a peccenamm?
Ben: sent adess, sto roffianon strozzaa
che tir fioeul d'ona negra el m'ha giugaa.

Prima de tutt t'ee de sav che fina
de vint agn fa, quand sont restada indree
della povera mamm, la mia medina,
che adess, jesuss! l' al Gentilin anca lee,
per no invodamm a santa Catarina,
o lassamm and in c d'on quaj mestee,
la m'ha tiraa in c sova e tegnuu inguala
d'ona soa tosa vera e naturala.

Sta mia medina l'eva ona tetton
matta, allegra quell mai che se p d:
ghe piaseva a pacci del bell e bon
e and dent per i boeucc a boccal:
ma sora tutt poe la soa gran passion
l'eva quella de fassela freg:
oh intuit de quest gh' nient de noeuv,
desdott in fira e fresca come on oeuv.

In quell temp la gh'aveva per gimacch
on gioven d'offellee, fort, traccagnott,
ch'el stava l in la porta e in l'uss attacch.
Costuu, me cunten ch'el gh'avess de sott
on peston de pirotta masiacch,
ma basta, fussel m per sto bescott,
o per quij del mestee ch'el ghe portava,
l'offellee l'eva lu ch'el le ciavava.

S'ha m de d l'inconter che costuu
el gh'ha giusta d'avegh anch lu on bagaj,
che l' nient alter che quel porch fottuu
che m' costaa in sti d tanto travaj.
Insc, cont el st insemma tutt e duu,
col giug insemma e f quij cattanaj
che fan tucc i fioeu, semm rivaa a quell
de trovass cott tutt duu senza savell.

Intrattanta, per via della via
dell'intrigh insc faa della medina,
ne faven dorm nun bardassaria
foeura di pee de lor in la cusina;
l ne saraven s all'ave maria
de sira fina a quella de mattina,
e l nun de per nun tutta la nocc
sevem patron de f onia sort de locc.

Fin per che semm st duu cisquittitt,
ciov a d de des, vundes, dodes agn,
se semm faa quaj carezz e quaj basitt,
e poeu voltavem l come lasagn;
ma quand emm comenzaa a sent i gallitt
vers la part che comenzen i cavagn,
se semm accort d'avegh di olter besogn
on poo pussee gaiard de quij del sogn.

Ma s! Per dilla giusta, in quant a m
sto besogn savarev minga spiegall...
soo che sentiva el sangu come a bu,
che gh'aveva ona voeuja de tentall
e in l'istess temp vergogna a compar.
Soo anch che andava in broeuda in del basall,
e soo che quand el me toccava i tett
trepillava del gust come on gallett.

(segue)

 

La Ninetta del Verziere

Bravo il mio Baldassarre! Bravo il mio ometto!
era poi ora di venire a trovarmi...
Lo sai mattacchione porco che quasi quasi

un mese che non vieni a fottermi?
Ah Cristo! Cristo! come sono fredde queste mani!
piano piano... aspetta un attimo...tu vuoi gelarmi,
caspita! che ghiaccio! ahi le mie tette!
che bel coglione, non son mica uno scaldaletto.

Povere tette neh?...senti come sono frolle?
Ma ho avuto una passione, guarda, in questi giorni
che stata, per la miseria, il mio tracollo
E' gi molto se sono ancora cos.
Vieni qua...siediti gi un po'...gi, ancora moscio,
e poi cos'hai da fare? venerd,
non c' da lavorare: parliamo un po',
che appena sei pronto te la d.

Guarda un po'  Baldassarre, se si pu dare
un mondo pi carogna, un mondo pi infame!
Ti ricordi d'avermi visto per casa
quel giovane magro, lungo come un salame,

che mi veniva a prendere per andare a ballare?
Che a volte lo hai visto a pettinarmi?
Bene: senti adesso, questo ruffianone strozzato
che tiro, figlio di una negra,  mi ha giocato.

Prima di tutto devi sapere che, fino
a vent'anni fa, quando ho perso
lla mia povera mamma, la mia zia
che adesso, Ges! al Gentilino anche lei,

per non votarmi a Santa Caterina,
o lasciarmi andare in casa di qualcuna di malaffare ,
mi ha preso in casa sua e tenuta al pari
di una sua figlia vera e propria.

Questa mia zia era una tettona
matta, allegra quanto mai si pu dare:
le piaceva mangiare tanto e bene
e andare per osterie a sbevacchiare:
ma soprattutto poi la sua gran passione
era quella di farsela fregare:
oh in quanto a questo non c' niente di nuovo,
diciotto in fila e fresca come un uovo:

In quel tempo aveva per amante
un garzone di pasticcere, forte, tracagnotto,
che stava l nella porta e nell'uscio accanto.

Mi raccontano che costui avesse sotto
un pestello da mortaio massiccio,
ma basta, fosse poi per questo biscotto,
o per quelli del mestiere ch'egli le portava,
il pasticcere era lui che la fotteva.

Ora si da il caso che costui
abbia per l'appunto anch'egli un ragazzo
che non altro che quel porco fottuto
che mi costato in questi giorni tanto travaglio.
Cos, stando insieme tutti e due,
giocando insieme e fare quelle stupidaggini
che fanno tutti i ragazzi, siamo arrivati al punto
di trovarci entrambi cotti senza saperlo.

Frattanto, per causa
dell'intrigo  fatto dalla zia,
ci facevano dormire, noi ragazzaglia,
fuori dai loro piedi, in cucina;
la ci rinchiudevano dall'ave maria
della sera fino a quella della mattina,
e l noi soli tutta la notte
eravamo liberi di fare ogni sorta di scherzi.

Fino a che si era ragazzetti,
di dieci, undici, dodici anni,
ci si faceva qualche carezza e ci si dava qualche bacino,
e poi ci addormentavamo come lasagne;
ma quando abbiamo cominciato a sentire il solletico
verso le zone basse
ci siamo accorti di avere altre esigenze
un po' pi gagliarde rispetto a quelle del sonno.

Ma s! per dirla giusta, in quanto a me
questa esigenza non saprei spiegarla...
so che mi sentivo ribollire il sangue,
che avevo una gran voglia di stuzzicarlo
e nel medesimo tempo provavo vergogna.
So anche che mi scioglievo nel baciarlo,
e so che quando i toccava le tette
guizzavo dal piacere come un galletto.

(segue)

Commento

Si tratta di una critica sociale e umana, valida per tutti i tempi; ma ambientata, ovviamente, nell'attualit portiana (fine 1814).
Rientra nel filone dello stile realistico del Porta, per cui la vicenda descritta porta a una presa di coscienza drammatica

(segue)

I t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)